Il tuo browser non è aggiornato!

Aggiornalo per vedere questo sito correttamente. Aggiorna ora

11 Dicembre 2018

Dicembre solidale per le Cantine Ferrari

Natale non è solo tempo di brindisi, ma anche quel momento dell’anno in cui più di ogni altro si mette in moto la solidarietà.

Le Cantine Ferrari, brindisi italiano per eccellenza, daranno il proprio contributo in moltissime iniziative benefiche in programma questo dicembre a Milano.

Il primo appuntamento è stato il 4 dicembre per la 14ma edizione di Wine for Smile, evento benefico organizzato dalla ONLUS Operation Smile, che aiuta i bimbi di tutto il mondo con malformazioni al volto. Si proseguirà poi la sera dell’11 dicembre al Teatro Vetra, che ospiterà una cena di gala per la raccolta fondi dedicati alla Fondazione IEO, dove all’asta benefica sarà battuto anche un Jeroboam Ferrari Trentodoc.

I Trentodoc Ferrari saranno inoltre venduti durante due importanti eventi. Dal 13 al 16 dicembre alla Triennale di Milano insieme a molti altri prodotti di moda e design in un evento di shopping solidale per sostenere i progetti di CBM per la prevenzione e cura della cecità nei paesi più poveri del mondo e dal 15 al 16 dicembre a Palazzo Giureconsulti per il mercato della solidarietà di Don Mazzi per la Fondazione Exodus, ormai giunto alla sua 18ma edizione.

Il 14 dicembre sarà invece presentato con una conferenza stampa il nuovo progetto di Food for Soul, l’associazione di Massimo Bottura per combattere lo spreco alimentare nell’interesse dell’inclusione sociale, che Ferrari sostiene sin dalla sua fondazione. Sarà Napoli la terza città ad ospitare i “Social Tables”, ossia i tavoli sociali messi a disposizione una volta alla settimana delle persone bisognose che possono così godere di un pasto caldo cucinato da chef d’eccezione e trovarsi in una sorta di comunità. L’appuntamento si ripeterà ogni lunedì a pranzo presso l’Ex Convento di Santa Caterina, dove la Fondazione Made in Cloister ha seguito un progetto di recupero per realizzare un centro di creatività coinvolgendo i maestri della grande tradizione artigiana napoletana insieme ad artisti e designer internazionali con lo scopo di promuovere progetti collegati alle diverse forme d’arte, all’artigianato e al food, volti ad attivare processi di sviluppo sostenibile nell’area.