Il tuo browser non è aggiornato!

Aggiornalo per vedere questo sito correttamente. Aggiorna ora

27 settembre 2012

Camilla e Matteo Lunelli consegnano all?Espresso le 1.000 bottiglie di Ferrari per la ?Copertina dell?Anno?

Che cosa voglia dire vincere il premio Ferrari Copertina dell’Anno lo si è compreso bene qualche giorno fa quando Camilla Lunelli, presidente del premio, e Matteo Lunelli, numero uno di casa Ferrari, hanno consegnato le 1.000 bottiglie di Ferrari Brut e il pannello che, per la storia, racconta chi le ha vinte. Le 1.000 bottiglie sono andate per il 2011, è noto, all’Espresso per una copertina, “Re Giorgio” che poi ha fatto il giro del mondo, ripresa, com’è successo, da tutte le più grandi testate del mondo  e la consegna s’è risolta in una festa spontanea e scoppiettante che ha coinvolto tutta la redazione del settimanale e ospiti illustri e nella quale s’è brindato ovviamente a Ferrari, proposto in magnum. Insieme al direttore Bruno Manfellotto c’erano i suoi vice Orazio Carabini e Claudio Lindner, Corrado Corradi direttore generale della divisione stampa nazionale del Gruppo editoriale l’Espresso, Stefano Mignanego, direttore centrale delle relazioni esterne, Attilio Giordano, direttore di Venerdì, il magazine di Repubblica, e gran parte della redazione che s’è concessa un’ora spensierata suggellata da un brindisi corale. Ospite di spicco che non ha voluto mancare all’appuntamento Pasquale Cascella, il portavoce del presidente della Repubblica Giorgio Napolitano. Di “Re Giorgio”, insomma. Delle 1.000 bottiglie di Ferrari brut del premio, parte sarà divisa tra tutti i redattori dell’Espresso e parte è stata destinata, come già avvenne con la vittoria nella prima edizione dei premi “Titolo e Copertina dell’Anno” a Médecins sans frontières.