Il tuo browser non è aggiornato!

Aggiornalo per vedere questo sito correttamente. Aggiorna ora

8 Agosto 2012

E Susanna Tamaro viaggerà con una borraccia Segnana

Nell’inverno che verrà e negli inverni che seguiranno, Susanna Tamaro, uno degli scrittori italiani contemporanei più letti nel mondo (il suo Va’ dove ti porta il cuore ha venduto quasi 15 milioni di copie), ogni volta che dovrà affrontare un lungo viaggio in treno avrà nella borsa una borraccia Segnana. E questo perché la scrittrice adora la grappa, tanto da considerarla la sua “bevanda prediletta”. Che Susanna Tamaro amasse la grappa il grande pubblico lo ha scoperto da un suo scritto apparso sul Corriere della Sera del 13 febbraio 2012. Lì la scrittrice raccontava come nei viaggi invernali in treno portasse con sè un kit battezzato “inverno/lunga percorrenza” nel quale, tra gli altri oggetti, c’è sempre una bottiglia di grappa alla quale attaccarsi nei casi, tutt’altro che rari, che il riscaldamento della carrozza non funzionasse. Quel racconto a Marcello Lunelli, presidente della Segnana, è piaciuto a tal punto da spingerlo a complimentarsi per lettera con Susanna Tamaro, affiancando allo scritto due bottiglie di grappa e una borraccia, firmata Segnana, “che, per una signora”, scriveva, “mi pare più elegante”. La risposta non s’è fatta attendere. E ai ringraziamenti “per la generosa fornitura della mia bevanda prediletta” Susanna Tamaro ha voluto aggiungere: “Considero la grappa, oltre che un conforto, un ottimo medicinale…”.