Il tuo browser non è aggiornato!

Aggiornalo per vedere questo sito correttamente. Aggiorna ora

10 luglio 2018

Ferrari celebra l’Arte di Vivere Italiana con una serata in riva al Tamigi

Proprio come Beatles e Pink Floyd, le Cantine Ferrari hanno scelto la Battersea Power Station di Londra come location per un evento eccezionale in collaborazione con il Gambero Rosso e Enotria&Coe. Il 2 luglio, al ristorante Fiume, ultimo nato dello star-chef Francesco Mazzei (patron anche di Sartoria e Radici), si è trascorsa una serata all’insegna dello stile di vita italiano, celebrata con le esclusive bollicine Ferrari Trentodoc abbinate ai creativi piatti di Mazzei, in un’atmosfera festosa a ritmo jazz del talentuoso compositore Roberto Tarenzi.

Prima dell’evento, Matteo Lunelli, Presidente delle Cantine Ferrari e Marco Sabellico, capo redattore della Guida “Vini d’Italia” del Gambero Rosso, hanno condotto un tasting molto speciale, dedicato a un pubblico selezionato di appassionati e addetti ai lavori. Un’occasione unica per un viaggio appassionante tra le montagne trentine attraverso sette Trentodoc Ferrari, prodotti unicamente con uve raccolte nei vigneti in alta quota delle Alpi intorno a Trento.

Un viaggio che poi è continuato con un incontro molto speciale tra i sapori mediterranei della cucina di Mazzei e la freschezza delle bollicine Ferrari, offrendo agli ospiti un’esperienza italiana che ha spaziato da Nord a Sud nel segno dell’eccellenza.

 

In degustazione

La degustazione è iniziata con la Collezione Perlé, annata 2007 e 2011, per poi introdurre l’ultimo nato in casa Ferrari, il Ferrari Perlé Zero, Cuvée Zero 11.

Si è proseguito con Ferrari Riserva Lunelli 2009, per poi concludere con tre annate della bollicina più iconica di Casa Ferrari, il Giulio Ferrari Riserva del Fondatore 2006, 2000 e lo spettacolare 1997.

Creato nel 1972 da Mauro Lunelli, allora enologo della Famiglia, “il Giulio”, Chardonnay in purezza, nasce solo dalle annate migliori dei vigneti di famiglia e ha conquistato ben 28 volte gli ambiti Tre Bicchieri della Guida Vini d’Italia, rendendolo la bollicina italiana più premiata di sempre.