Il tuo browser non è aggiornato!

Aggiornalo per vedere questo sito correttamente. Aggiorna ora

24 giugno 2009

E gli Amici del Toscano adottano la Locanda Margon

Un piccolo paradiso la Locanda Margon lo è non soltanto per i gourmet, grazie all’estrosa cucina di Walter Miori e alla luccicante carta dei vini ricca di tante celebri etichette, a cominciare dal Ferrari. Lo è anche per i più aristocratici tra i fumatori, coloro che nel post prandium si concedono ai piaceri di un sigaro. E lo è perché ha una sala tutta per loro, una preziosità che gli Amici del Toscano, un’armata più che un club con oltre 25 mila iscritti, hanno voluto sottolineare accogliendo nel loro sito, www.amicidellatoscana.it, una pagina tutta dedicata alla Locanda Margon.
Nella Locanda, doverosa precisazione, la sala per gli amanti del sigaro è dotata anche di un humidor, quella scatola che, realizzata con legni pregiati, è indispensabile per mantenere i sigari nella giusta umidità a chi vuol coltivare con arte il piacere del fumo. Non dimenticando che chi è rimasto senza sigari alla Locanda comunque potrà trovarli e che, dulcis in fundo, creare spirali di fumo centellinando una grappa che come la Segnana Solera è anche più che piacere: è voluttà.