Il tuo browser non è aggiornato!

Aggiornalo per vedere questo sito correttamente. Aggiorna ora

7 giugno 2011

Grand Tour di Wine Spectator 2011: Giulio Ferrari unica bollicina italiana invitata

Il Giulio Ferrari era già ben conosciuto negli States, ma adesso dopo la partecipazione al Grand Tour di Wine Spectator e le degustazioni guidate da Marcello Lunelli lo è un po’ di più.
Infatti, per chi non lo sapesse, Wine Spectator, sicuramente il mensile più importante ed influente del vino in America e forse del mondo ogni anno organizza questo tour nelle più importanti capitali americane, quest’anno Chicago, Las Vegas e Boston, con degustazioni delle migliori etichette mondiali.
Il criterio è qualitativo secondo un ranking che rispetta le valutazioni al top del punteggio dei vini ricevuti dalla commissione di assaggio della rivista.
Grande soddisfazione quindi per Ferrari essere presente come unica bollicina italiana, il riconoscimento al lavoro di oltre cento anni di storia aziendale al servizio della qualità estrema e di una italianità moderna che sempre più piace negli States.
Un Grand Tour di vini sensazionali dedicato ad un pubblico selezionato, disposto a pagare 220 dollari per l’entrata.
Marcello Lunelli definisce l’esperienza “entusiasmante” per l’interesse e la competenza degli appassionati  che si presentavano  allo stand nei confronti delle bollicine italiane di qualità. “Segno” continua Lunelli “che il lavoro fatto sul mercato americano da Ferrari e dal suo importatore Palm Bay per far conoscere e posizionare correttamente la qualità del metodo italiano sta dando i suoi frutti”. Sentiment confermato anche dalla prestigiosa visita a Ferrari fatta durante la serata di Las Vegas dall’Executive Editor di Wine Spectator Thomas Matthews a suggellare un tour ricco di segnali positivi.