Il tuo browser non è aggiornato!

Aggiornalo per vedere questo sito correttamente. Aggiorna ora

30 settembre 2014

Le Cantine Ferrari in prima fila in Winegraft, un'autentica rivoluzione nella viticoltura mondiale

La società, presieduta da Marcello Lunelli, nasce dalla collaborazione fra università e aziende italiane per la produzione di portinnesti di nuova generazione
 
Viti più resistenti, più robuste, meno soggette a “malanni”, in grado di sopportare la siccità, di non soffrire del troppo calcare del terreno e di adattarsi ad altre molteplici difficoltà ambientali. Insomma, una vera e propria rivoluzione nella viticoltura mondiale. 
Merito dei portinnesti ai quali si è arrivati grazie a un progetto di miglioramento genetico iniziato nei primi anni ’80 che, coordinato dal professor Attilio Scienza, un'autorità internazionale in fatto di viticoltura, ha visto collaborare i due mondi dell'università e della produzione. Le Cantine Ferrari sono in prima fila in quest’iniziativa, di cui Marcello Lunelli, vicepresidente della casa trentina, è il numero uno. 
Portinnesto è, spiega lo Zingarelli, “pianta, o parte di essa, che riceve l'innesto”. Dal 1886, cioè da quando la viticoltura europea fu costretta a misurarsi con il dramma della fillossera, di portainnesti non se ne sono più creati e, nel frattempo, la viticoltura s'è evoluta, il clima è cambiato e con esso tutto l'orizzonte del settore. Una carenza colmata dall'esito delle ricerche guidate dal professor Scienza e che si è tradotta in portinnesti per viti di nuova generazione oggi pronti a essere commercializzati in tutto il mondo. A guidare questo, che è il primo esempio italiano nel vino, di sistema virtuoso di collaborazione tra università e aziende, una società appena costituita, Winegraft. Al capitale di tale srl partecipano, a fianco di Ferrari, alcune cantine di spicco dell'enologia italiana quali Banfi, Zonin, Armani Albino, Cantina Due Palme, Claudio Quarta Vignaiolo, Bertani Domains, Nettuno Castellare, Cantine Sette Soli, nonché Fondazione di Venezia e Bioverde Trentino, una società di prodotti a supporto della viticoltura. 
Ecco il funzionamento dell’iniziativa nelle parole di Marcello Lunelli, presidente di Winegraft: “I diritti su questi portinnesti saranno esercitati dalla nostra società tramite uno spin-off dell’Università di Milano, l’IpadLab, mentre i Vivai Cooperativi di Rauscedo si occuperanno dello sviluppo industriale, dalla moltiplicazione alla commercializzazione del materiale vivaistico in tutto il mondo. Le royalties ottenute dalle vendite garantiranno la continuazione del progetto di miglioramento genetico dei portinnesti, per scoprirne, speriamo, altri sempre più adattabili e universali”.