Il tuo browser non è aggiornato!

Aggiornalo per vedere questo sito correttamente. Aggiorna ora

14 Ottobre 2019

Le Cantine Ferrari protagoniste della Vendemmia più glamour d’Italia

Bollicine Ferrari alla Vendemmia di via Montenapoleone a Milano e via dei Condotti a Roma

La Vendemmia di Montenapoleone compie dieci anni e festeggia con moltissime iniziative durante un’intera settimana, dal 7 al 13 ottobre.

Ferrari è senza dubbio tra i partner più fedeli di quello che si conferma uno degli eventi più glamour e raffinati dell’anno, unendo i grandi marchi del lusso del quadrilatero della moda milanese e le più importanti case vinicole italiane. La Cantina Trentina è stata, infatti, protagonista di vari appuntamenti, tra cui nella serata di giovedì 10 ottobre Ferrari alla Pasticceria Marchesi con il suo Perlé Bianco e, anche quest’anno, alla boutique Ermenegildo Zegna di via Montenapoleone 27, dove si è rinnovato il sodalizio tra i due marchi con una degustazione di Ferrari Maximum Blancs des Blancs, presentato ufficialmente nella sua nuova veste da meno di un mese.

Una serata all’insegna dell’eleganza e del gusto in tutte le sue accezioni: la partnership tra Cantine Ferrari e Zegna, infatti, affonda le sue radici nella condivisione dei valori dettati da una lunga storia familiare e nella capacità di comunicarli a livello internazionale attraverso un autentico stile italiano, sinonimo non soltanto di eleganza, ma anche di qualità e cultura.

Il grandissimo successo di pubblico che ogni anno la Vendemmia milanese riesce ad ottenere, ha dato il là anche ad un’edizione romana, che per il terzo anno seguirà a ruota quella meneghina, con la “Vendemmia di via dei Condotti” il 17 ottobre; anche in questa occasione le bollicine Ferrari si sposeranno con un altro prestigioso marchio del lusso come IWC, icona dell’alta orologeria.

In questo caso il legame con le bollicine Ferrari riguarda non solo lo stile e la grande tradizione di entrambi i brand, ma anche il particolare rapporto con il tempo che le Cantine Ferrari hanno imparato a sfidare in oltre un secolo di storia, invecchiando le bollicine Trentodoc ben oltre il normale periodo di permanenza nel buio e nel silenzio della cantina.