Il tuo browser non è aggiornato!

Aggiornalo per vedere questo sito correttamente. Aggiorna ora

5 aprile 2012

Matteo Lunelli chiamato a parlare di ?Italian Icons: from Fashion to Wine? a OperaWine, nell?incontro tra Wine Spectator, Vinitaly e Altagamma

E’ stato scelto il presidente delle Cantine Ferrari, nonché membro del comitato esecutivo di Altagamma, Matteo Lunelli, per portare la voce del grande vino italiano in uno degli appuntamenti di maggior impatto mediatico dell’ultimo Vinitaly. In questa che è ormai riconosciuta come la più grande rassegna enologica mondiale, Wine Spectator, la Bibbia di chi ama il buon bere, ha organizzato, assieme a Veronafiere, OperaWine, la sua prima degustazione fuori dagli Stati Uniti ed ha scelto l’Italia, portando in passerella le 100 migliori case del Belpaese. E’ stata un’incredibile anteprima del Vinitaly 2012, preceduta a sua volta, la mattina del 24 marzo, da “Italian Icons: from Fashion to Wine”, un evento nell’evento perché si esprimeva nell’incontro tra Altagamma, l’associazione che riunisce i marchi più rappresentativi del made in Italy in vari settori, e il gotha del vino italiano, proposto tra le bandiere del miglior made in Italy. E in quest’affollato ”incontro”, Matteo Lunelli è stato uno dei relatori accanto a Santo Versace che guida Altagamma, a Ettore Riello, presidente di Veronafiere, e a Thomas Matthews, executive editor di Wine Spectator.
Cliccando qui è possibile scaricare il discorso di Matteo Lunelli.